RINASCE L’EX AREA INDUSTRIALE DI VIA FERMI: UFFICI, VERDE E PALESTRA COMUNALE

Al via la riqualificazione del complesso industriale dismesso in via Fermi, all’ingresso della città. La Giunta comunale ha dato il via libera alla proposta  di Programma Integrato di Riordino Urbano che interessa l’area dei vecchi capannoni della ditta Franzcom, a ridosso del viale Marconi: saranno demoliti e sulle volumetrie fortemente ridimensionate sorgeranno attività commerciali oltre ad una palestra dedicata alle attività sportive in città. L’intesa è stata resa possibile mediante l’attivazione dello strumento previsto dall’art. 11 delle Norme di Attuazione del P.P.R. per la proposta di Programma Integrato di Riordino Urbano in variante al PUC ai sensi dell’art. 40 della L.R. 8/2015.

 

Data:
23 dicembre 2022

Visualizzazioni:
714

Al via la riqualificazione del complesso industriale dismesso in via Fermi, all’ingresso della città. La Giunta comunale ha dato il via libera alla proposta  di Programma Integrato di Riordino Urbano che interessa l’area dei vecchi capannoni della ditta Franzcom, a ridosso del viale Marconi: saranno demoliti e sulle volumetrie fortemente ridimensionate sorgeranno attività commerciali oltre ad una palestra dedicata alle attività sportive in città. L’intesa è stata resa possibile mediante l’attivazione dello strumento previsto dall’art. 11 delle Norme di Attuazione del P.P.R. per la proposta di Programma Integrato di Riordino Urbano in variante al PUC ai sensi dell’art. 40 della L.R. 8/2015.

 

“E’ la prima volta che a Quartu si applica una soluzione urbanistica molto innovativa come quella del Programma di riordino urbano, prevista dalla legge 8 del 2015: una procedura che consente la riqualificazione degli ambiti fortemente degradati anche in deroga allo strumento urbanistico generale, riportandoli in utilizzo”, spiega l’Assessore all’Urbanistica Aldo Vanini.

 

“Grazie a questo strumento è stato possibile riconvertire un’area che il vecchio PUC, non ancora adeguato al PPR, destinava ad attività artigianali ed industriali estremamente impattanti, non più idonee ad una collocazione all’ingresso della città”, prosegue l’assessore. “Nell’intervento di riqualificazione previsto invece trova spazio una diversa filosofia di utilizzo, con un dimezzamento delle vecchie volumetrie ed una destinazione del 25% di queste alla parte pubblica, di cui una porzione sarà mantenuta libera come fascia di rispetto a ridosso del rio Is Cungiaus per le necessarie opere di manutenzione idraulica ed ambientale. La restante porzione”, continua l’assessore, “consiste nella cessione di un fabbricato già esistente che sarà interamente ristrutturato e riconvertito ad impianto sportivo di proprietà comunale. Stiamo parlando di circa 7000 metri quadri compreso l’incremento per sopraelevazione necessario a norma di legge per l’omologazione ad uso sportivo”.

“Infine, cosa non meno importante- sottolinea Vanini”, è prevista una importante riduzione delle superfici impermeabili  e la rimozione di oltre 55000 metri quadri di amianto deteriorato, una potenziale bomba per la salute all’ingresso della città che verrà smaltita in sicurezza”

Ulteriori informazioni

Aggiornamento:
23/12/2022, 11:23

Potrebbero interessarti