A "SI GHÈTAT CUSTU BANDU" DUE LABORATORI E FOCUS SUL CORPUS DOMINI QUARTESE

La storica dimora campidanese Sa Dom’e Farra continua ad essere punto di riferimento della cultura quartese, anche nella sua nuova veste: da museo etnografico a teatro d’eccezione per gli appuntamenti legati alla tradizione e all’identità sarda, e in particolare quartese.

Data:
4 ottobre 2023

Visualizzazioni:
730

La storica dimora campidanese Sa Dom’e Farra continua ad essere punto di riferimento della cultura quartese, anche nella sua nuova veste: da museo etnografico a teatro d’eccezione per gli appuntamenti legati alla tradizione e all’identità sarda, e in particolare quartese. Per la rassegna ‘Si Ghètat custu bandu’ sono infatti tre le proposte di questa settimana, in rapida successione, da giovedì a sabato, con due laboratori e la presentazione di un libro che mette insieme storia e religione.

Si parte giovedì 5 ottobre, alle 19.30, con una serata dedicata al laboratorio sartoriale. L’iniziativa permetterà di osservare da vicino l’antico metodo di imbastimento de ‘su cossu’, soffermandosi sulle sue varie fasi di lavorazione. Le associazioni Su Idanu e Femminas, specializzati nel confezionamento e nei dettagli degli abiti tradizionali, dedicheranno la prima parte dell’iniziativa alla descrizione sartoriale del gilet da uomo, su ‘cropettu’; successivamente mostreranno punto per punto i passi da seguire, il procedimento e i segreti per la realizzazione del capo.

Venerdì 6 ottobre, con lo stesso orario di inizio previsto il giorno prima, spazio a un altro laboratorio, ma stavolta dedicato al ballo sardo, curato dall’associazione Città di Quarto 1928, che vanta un ormai ultradecennale esperienza nel campo grazie all’organizzazione di Sciampitta, diventata nel tempo uno dei grandi eventi regionali perché in grado di promuovere la Sardegna anche fuori dai confini nazionali. Nell’occasione, all’insegnamento dei passi base della tradizione isolana, verrà affiancata una lezione di approfondimento sulle origini del ballo in Sardegna.

Il trittico di questa settimana si concluderà sabato 7 ottobre con la presentazione del libro ‘Su Corpus domini de is Quatesus, di Maria Paola Delogu. Il Corpus Domini è una delle solennità più sentite a livello popolare, sia perché richiama la presenza reale di Cristo nell’Eucaristia, sia per la particolarità e lo stile della celebrazione, con la rappresentazione visiva di Gesù che percorre le strade dell’uomo. L’appuntamento sarà l’occasione per approfondire le processioni della città di Quartu, la devozione popolare, la partecipazione, tra sentimento religioso e un interesse per il patrimonio identitario cittadino che coinvolge anche i meno devoti.

Tutti gli eventi sono a ingresso libero e gratuito, con l’obiettivo di tramandare le tradizioni cittadine, raccontarle anche ai giovani, che saranno il futuro di Quartu, ma anche di far conoscere il nostro patrimonio identitario ai turisti e ai sardi che non vivono in città, coinvolgerli e appassionarli. Per informazioni è possibile chiamare al numero 392 6224301.

Ulteriori informazioni

Aggiornamento:
04/10/2023, 12:48

Potrebbero interessarti