'TUTTI NELLA STESSA BARCA', QUARTU CONTINUA IL SUO PERCORSO PER L'AMBIENTE

Con l’attenzione e l’interesse per la diffusione di una cultura votata al rispetto dell’ambiente e al decoro urbano, prosegue con assiduità il percorso intrapreso dall’Amministrazione comunale per una Quartu più Green. Tante giornate in collaborazione con le varie associazioni che operano sul territorio sono già state organizzate, altre ce ne saranno, anche con la partecipazione degli studenti, come quella programmata per il 26 marzo, in occasione della tappa cittadina di ‘Tutti nella stessa barca’.

Data:
23 marzo 2024

Visualizzazioni:
1092

Con l’attenzione e l’interesse per la diffusione di una cultura votata al rispetto dell’ambiente e al decoro urbano, prosegue con assiduità il percorso intrapreso dall’Amministrazione comunale per una Quartu più Green. Tante giornate in collaborazione con le varie associazioni che operano sul territorio sono già state organizzate, altre ce ne saranno, anche con la partecipazione degli studenti, come quella programmata per il 26 marzo, in occasione della tappa cittadina di ‘Tutti nella stessa barca’.

Da anni ormai l’Amministrazione comunale si fa promotrice e concede il patrocinio per iniziative legate alla sensibilizzazione ambientale e contro l’abbandono di qualsiasi tipo di rifiuto. Diverse sono state le giornate dedicate alla promozione del Verde, a partire dalla Festa degli Alberi che ha coinvolto ben 10 scuole, per un totale di 1200 studenti, e permesso la piantumazione di 40 piante tra alberi da frutto e ulivi. Tanta attenzione è stata riposta anche alla pulizia di zone di campagna e tratti di litorale, e non è mancata neanche la partecipazione al Giro d’Italia di Plogging, iniziativa aperta a tutti che abbina spirito Green e amore per lo sport, tra corsa e raccolta dei rifiuti abbandonati nel territorio.

E appunto legata allo sport è anche la prossima iniziativa, in programma martedì 26 marzo (anche) in città. Quartu ha infatti aderito con entusiasmo al progetto ‘Tutti nella stessa barca’, organizzato e promosso da Carlo Coni, istruttore federale di kayak che proprio in quella data partirà con la sua canoa per la circumnavigazione in senso antiorario della Sardegna, toccando le coste di tantissimi Comuni, nei quali, al passaggio della canoa, verranno promosse attività di pulizia dell’ambiente.

Un’odissea di 544 miglia che bissa quanto già fatto nel 2018 ma che stavolta all'impresa di carattere fisico e spirituale abbina anche un grido d’allarme e un invito alla salvaguardia dell’ambiente. La sua battaglia ‘muscolare’ diventa metaforicamente una lotta contro l'inquinamento, trasformando ogni colpo di pagaia in un contributo a favore della natura. 

Compatibilmente con le condizioni meteo marine, il giro dell’Isola durerà circa un mese e coinvolgerà quindi in un grande progetto educativo-ambientale istituzioni, scuole, associazioni e tutti i cittadini interessati al rispetto e alla valorizzazione delle campagne e delle coste dei vari territori.

La tappa quartese, che gode del patrocinio del Comune e coincide con la giornata di avvio del programma, prevede una passeggiata ecologica organizzata in collaborazione con l’Associazione Oikos. Con soci e volontari saranno presenti anche gli studenti del Liceo Linguistico Eleonora d’Arborea. L’appuntamento è fissato per le ore 9 nei pressi di piazza Olla, davanti alla grande rotonda, al Poetto.

L’Amministrazione comunale promuove le campagne di sensibilizzazione ambientale e per questo abbiamo da subito condiviso con entusiasmo l’idea e il progetto di Coni. Pertanto invitiamo tutti i cittadini e le associazioni di buona volontà a partecipare alla giornata e a dare così il proprio contributo. E se altre scuole quartesi avessero piacere di aderire sono indubbiamente le benvenute - spiega l’Assessora comunale alla Pubblica Istruzione Cinzia Carta -. Martedì 26 e non solo, visto che tante altre iniziative verranno organizzate dall’Amministrazione già nelle prossime settimane. La tutela del territorio riguarda tutti e per questo intendiamo sostenere le scuole quartesi che a loro volta avranno piacere di pianificare azioni e iniziative volte alla salvaguardia del territorio, magari affiancate dalle associazioni ambientaliste attive in città. Il contributo dei ragazzi, l’impegno sul campo delle giovani generazioni sarebbe un ottimo segnale per un futuro più sostenibile”.

 

PHOTO-2024-03-20-12-11-42

Ulteriori informazioni

Aggiornamento:
24/03/2024, 09:32

Potrebbero interessarti