APRE ALL'EX CONVENTO LA MOSTRA DEDICATA AI MAESTRI DEL BAROCCO

Ha aperto i battenti alla presenza delle autorità isituzionali cittadine e della stampa, la mostra  d'Arte "Autentici ed Epigoni- Elementi di Barocco e Secolo d'Oro", con le opere originali di alcuni dei più prestigiosi esponenti del genere Barocco tra il 1600 e la metà del 1700: Luca Giordano, Antoon Van Dyck, il Guercino, Bernardo Strozzi. La mostra, che comprende anche una interessante sezione dedicata ai falsi d'autore, sarà aperta al pubblico tutti i giorni fino all'8 gennaio.

Data:
7 dicembre 2023

Visualizzazioni:
1659

Ha aperto i battenti alla presenza delle autorità isituzionali cittadine e della stampa, la mostra  d'Arte "Autentici ed Epigoni- Elementi di Barocco e Secolo d'Oro", con le opere originali di alcuni dei più prestigiosi esponenti del genere Barocco tra il 1600 e la metà del 1700: Luca Giordano, Antoon Van Dyck, il Guercino, Bernardo Strozzi. La mostra, che comprende anche una interessante sezione dedicata ai falsi d'autore, sarà aperta al pubblico tutti i giorni fino all'8 gennaio.

Tornano i grandi appuntamenti con l’arte presso l’ex Convento dei Cappuccini. La Mostra “Autentici ed Epigoni” porta per la prima volta a Quartu alcuni dei più bei capolavori dei maestri del Barocco e del Secolo d’Oro: cinque opere originali, olio su tela,  firmate da Antoon Van Dyck, Guercino,  Bernardo Strozzi, Luca Giordano. Le opere saranno affiancate da una collezione di “Falsi d’Autore” realizzati da artisti contemporanei di scuola napoletana che riproducono alcuni lavori di Caravaggio, Raffaello e altri. Parteciperà all’evento anche il noto autore napoletano Francesco Stile, rappresentante dell’Iperrealismo Europeo e dei “Falsi d’Autore”, con l’esposizione della sua mostra personale già presentata a Londra, Parigi e Toronto.Alla conferenza stampa di presentazione hanno partecipato l'Assessora alle Attività Produttive del Comune di Quartu Sant'Elena Rossana Perra, la vice presidente della Commissione Cultura Laura Perra, il curatore artistico della mostra Walter Marchionni.  

"Autentici ed Epigoni", spiega Marchionni  "è un'indagine sul sottile equilibrio tra l'originale e la sua copia nell'arte. In questa straordinaria esplorazione, partendo dai giganti del Barocco, ci siamo addentrati nel complesso mondo del falso d'autore, un fenomeno che va oltre la semplice imitazione, sollevando domande profonde sulla percezione dell'arte e sul suo valore intrinseco. La riflessione", prosegue il curatore artistico "è incentrata sulla natura mutevole dell'arte, sulla sua capacità di trasformarsi attraverso il tempo e di ispirare le generazioni future. In questo viaggio stimolante la bellezza, l'autenticità e la maestria artistica si fondono, sfidando i limiti tra originale e il suo epigono".

Luca Giordano, Bernardo Strozzi, e Il Guercino hanno plasmato un'epoca in cui la grandiosità e la teatralità si fusero in un connubio straordinario di luce e ombra, espressione e pathos. Parallelamente, il Barocco olandese, noto come il secolo d'oro,  periodo di prosperità e creatività straordinarie, ha espresso  artisti come Antoon Van Dyck , qui presente, che hanno ridefinito la pittura, inserendo sobrietà, precisione e ricchezza di dettagli. Questo stile olandese, in contrasto con l'opulenza emotiva del Barocco italiano, offre una prospettiva affascinante sulla diversità artistica dettata da differenze latitudinali.

"In questa esposizione abbiamo volutamente intrecciato gli esempi più fulgidi del Barocco secentesco con alcuni "Falsi d'autore", realizzati da alcuni artisti contemporanei napoletani, che ora vivono un'esperienza lontana dall'imitazione. Vi è poi una "mostra nella mostra": le dieci opere di Francesco Stile che ha iniziato il suo percorso, proprio con i "Falsi d'Autore";  il percorso espositivo svela un dialogo artistico intricato, un connubio di stili, tecniche e temi che attraversano i confini geografici e culturali"

C'è tempo fino all'8 gennaio per ammirare, nel suggestivo allestimento realizzato all'interno dell'ex Convento, il “Ritratto di un Dominicano” di Antoon Van Dyck, il “Profeta” del Guercino, la “Morte di Flavio Claudio Giuliano” di Luca Giordano, “Allegoria della musica” e “Busto di donna” di Bernardo Strozzi. L'ingresso è libero e gratuito

WhatsApp-Image-2023-12-07-at-134143
WhatsApp-Image-2023-12-07-at-134144-1
WhatsApp-Image-2023-12-07-at-134144-2
WhatsApp-Image-2023-12-07-at-134144-3
WhatsApp-Image-2023-12-07-at-134144
WhatsApp-Image-2023-12-07-at-134145-2
WhatsApp-Image-2023-12-07-at-134145-1
WhatsApp-Image-2023-12-07-at-134145-3
WhatsApp-Image-2023-12-07-at-134145
WhatsApp-Image-2023-12-07-at-134146-1
WhatsApp-Image-2023-12-07-at-134146

 

 

Ulteriori informazioni

Aggiornamento:
07/12/2023, 14:19

Potrebbero interessarti