Al via l'edizione 2024 di 'Si Ghètat custu bandu', tra laboratori, mostre e racconti

L’estate è ormai alle porte e con essa cresce la voglia di stare all’aria aperta. In una Quartu sempre più viva e ricca di appuntamenti, non poteva mancare la rassegna dedicata alla valorizzazione delle tradizioni e del patrimonio identitario, che già negli anni scorsi ha riscosso un ottimo successo di pubblico con un cartellone ricco ed eterogeneo all’interno della più famosa casa campidanese di Quartu: Sa Dom’e Farra.

Data:
17 giugno 2024

Visualizzazioni:
589

L’estate è ormai alle porte e con essa cresce la voglia di stare all’aria aperta. In una Quartu sempre più viva e ricca di appuntamenti, non poteva mancare la rassegna dedicata alla valorizzazione delle tradizioni e del patrimonio identitario, che già negli anni scorsi ha riscosso un ottimo successo di pubblico con un cartellone ricco ed eterogeneo all’interno della più famosa casa campidanese di Quartu: Sa Dom’e Farra.

La rassegna ‘Si Ghètat custu bandu’ mette la storia e l’identità al centro del programma. Tanti i laboratori a cui sarà possibile partecipare, per i cittadini che vogliono approcciarsi al ballo o per altri che invece vorrebbero saperne di più e magari anche cimentarsi nelle forme di canto tipicamente sarde, nonché per quelli che amano gli abiti tradizionali. E poi non mancheranno le presentazione di libri, le mostre, le serate incentrate sui racconti della Quartu di una volta.

La manifestazione è promossa dal Comune di Quartu, con il contributo della Fondazione di Sardegna e il coinvolgimento delle associazioni cittadine, in particolare Città di Quartu 1928, Su Idanu e Su Scrignu de Campidanu, custodi dei saperi e delle conoscenze della città, e quindi risorsa fondamentale per evitare che le tradizioni cadano nell’oblio.

Si inizia giù questa settimana con due appuntamenti da segnare sul calendario. Lunedì 17, alle 19.30, subito un laboratorio dedicato alla poesia improvvisata. Sa cantada campidanesa è una proposta dell’associazione Su Scrignu de Campidanu. Prima una breve illustrazione sulle modalità e le dinamiche del canto improvvisato, poi ci si potrà cimentare insieme a noti ed esperti ‘cantadoris’ del panorama artistico sardo.

La seconda data dell’edizione 2024 è in programma venerdì 21 giugno, con l’Associazione Città di Quartu 1928 che propone il laboratorio di ballo sardo. I cittadini avranno modo di provare in prima persona i passi delle diverse danze tipiche, non solo quelle quartesi ma anche quelle praticate in altre zone della Sardegna. Un appuntamento sempre molto partecipato che testimonia l’interesse suscitato nella popolazione e la volontà di non rinunciare alla tradizione.

‘Si Ghètat custu bandu’ proseguirà con tantissimi appuntamenti per tutta la stagione e anche oltre. Pure ottobre prevede infatti in calendario una lunga serie di iniziative, prima del gran finale dell’8 dicembre, con il Premio Letterario Città di Quartu. Tutti gli eventi prevedono l’ingresso libero e gratuito. Per informazioni è possibile contattare il numero 3926224301, anche inviando un messaggio tramite whatsapp.

 

Locandina-Si-Ghetat-Custu-Bandu-2024

Ulteriori informazioni

Aggiornamento:
17/06/2024, 13:09

Potrebbero interessarti