Luca Foschi chiude la rassegna 'ViaConvento' con il suo libro ambientato nel Medio Oriente

Il grande cartellone della rassegna letteraria su libri sardi "ViaConvento - Primavera 2024" si conclude con la presentazione del libro di Luca Foschi "Al Ghalas. L'ora più buia per il Medio Oriente". L'ultimo appuntamento è in programma mercoledì 26 giugno 2024 alle ore 18. Nell'occasione dialogherà con l'Autore Carlo Augusto Melis.

Data:
19 giugno 2024

Visualizzazioni:
506

Il grande cartellone della rassegna letteraria su libri sardi "ViaConvento - Primavera 2024" si conclude con la presentazione del libro di Luca Foschi "Al Ghalas. L'ora più buia per il Medio Oriente". L'ultimo appuntamento è in programma mercoledì 26 giugno 2024 alle ore 18. Nell'occasione dialogherà con l'Autore Carlo Augusto Melis.

Dalla prima data in cartellone, il 28 febbraio u.s., nella Sala Affreschi dell'Ex Convento dei Cappuccini di via Brigata Sassari si sono avvicendati ben 15 autrici e autori sardi. Nel sedicesimo e ultimo appuntamento spazio al giornalista sardo Luca Foschi, che porta a Quartu il suo primo romanzo, un racconto allegro e dinamico in un contesto tutt’altro che luminoso. Al Ghalas è un termine molto antico che indica il momento più oscuro della notte e appartiene alla letteratura araba: “Ci è sembrato utile per descrivere ciò che sta accadendo”, ha spiegato di recente lo scrittore.

“Al Ghalas. L’ora più buia del Medio Oriente”(Bompiani, 2024): Ernesto Fiaschi è un giornalista freelance, che si definisce “cameriere con voce” e “raffinato orlatore”. Partito dalla periferia di Is Mirrionis, a Cagliari, ci racconta le esperienze rocambolesche in Palestina, Libano e Afghanistan, passando per Londra e arrivando fino a Kobanê, in un memoir sui generis che commuove e diverte. Una storia di formazione dallo stile lirico e avanguardistico, Al Ghalas s’immerge nell’accadere della guerra e nel sentire degli ultimi regalandoci personaggi indimenticabili come il prete partigiano Abuna, la premurosa drag queen Edith, formidabile coinquilina a Beirut, il coraggioso Cemìl, uno dei tanti, meravigliosi ragazzi che gli fanno da guida nei luoghi più difficili, e perfino “Fairuz”, una pianta di ginestra che è molto di più di quel che si vede: è un simbolo di un amore straziante e infelice.

Luca Foschi si è laureato a Cagliari in lettere e ha svolto il master in giornalismo alla London School. Un curriculum importante per il giornalista cagliaritano, che collabora con diversi quotidiani. Foschi conosce molto bene il Medio Oriente e la scorsa estate è stato per la prima volta in Ucraina. Il giornalista ha girato il fronte e ha visto la morte quotidiana di centinaia di soldati, che talvolta ha seguito in ambulanza. Un massacro quotidiano, dai numeri ignoti.

La presentazione del libro si terrà nella Sala degli Affreschi nel primo piano dell'Ex Convento dei Cappuccini in via Brigata Sassari. L'ingresso è libero e non è necessaria la prenotazione.

 

Luca-Foschi

Ulteriori informazioni

Aggiornamento:
25/06/2024, 14:10

Potrebbero interessarti